1. Notizie
  2. FORMAZIONE A DISTANZA: pros and cons

FORMAZIONE A DISTANZA: pros and cons


FORMAZIONE A DISTANZA: pros and cons

La bravura di un professionista si misura anche nella velocità e nella capacità di adattarsi a nuove situazioni, scenari diversi e, fino a quel momento, impensati. Ed eccomi qui, investita, come tutti, da questo uragano sanitario, economico ed emotivo, a fare i conti con la volontà e la necessità di continuare il mio lavoro senza rinunciare a professionalità e passione.

Abituata a spostarmi di azienda in azienda tutti i giorni, a incontrare i miei studenti di persona, a condividere, per qualche ora, il loro stesso ambiente lavorativo e costruire quel rapporto di fiducia e scambio reciproco che alimenta la formazione, mi sono trovata tutto a un tratto davanti a uno schermo, preoccupata di non poter fare altrettanto bene in questa mia versione “da remoto”.

Dopo un paio di mesi in cui ho messo a dura prova la connessione internet, ho scaricato tutte le piattaforme di videoconferencing possibili e immaginabili, ho rimodulato programmi e materiali, ho visto salotti, cucine, camerette e terrazze di tutti i miei studenti e aperto le porte della mia casa, con incursioni fugaci di animali e bambini, posso esprimere il mio parere sulla formazione a distanza, per scoprire, a sorpresa, che non è poi così male.

Una premessa: la formazione, così come la intendiamo noi di NOE Formazione, è fatta soprattutto di contatto umano. Nessun percorso può dirsi davvero “su misura” senza uno scambio diretto e ravvicinato tra docente e studente. È molto più semplice e spontaneo costruire rapporti di complicità, scambio e fiducia reciproca quando ci si conosce e ci si vede di persona e quando si frequenta lo stesso ambiente lavorativo. Anche l’utilizzo del materiale didattico è più faticoso a distanza, anche perché, ad oggi, non tutto il materiale a disposizione è dotato di una versione digitale. La capacità di concentrazione davanti a un monitor è inferiore rispetto all’aula. In aula è possibile svolgere sessioni più lunghe, intervallate da pause, lavori di gruppo e role-play, e gli scambi sono più immediati tra studenti e docente e tra studenti stessi, più facile quindi creare gruppi affiatati.

Detto questo, ecco alcuni dei vantaggi della formazione a distanza:

✅ Flexibility first. Prima di tutto flessibilità. La possibilità di connettersi da qualsiasi luogo e fuori dagli orari tradizionali di lavoro consente di conciliare le necessità di tutti e garantire quindi una maggiore continuità dell’attività formativa.

✅ Upgrade your tech skills. Per chi, come me, non è una millennial e non sempre riesce a stare al passo con le nuove tecnologie, questa è stata un’ottima sfida per conoscere e approfondire mezzi e piattaforme nuove, implementare il materiale didattico digitale, trovare una rinnovata curiosità verso il mondo tech e capirne la reale utilità e potenzialità in una situazione di emergenza come questa. Di necessità, virtù.

✅ Simulating real situations. Se è vero che la formazione in presenza spesso consente di simulare situazioni reali e fare attività di role-playing (visita dell’azienda, presentazione di prodotti, ecc.), la didattica a distanza tramite piattaforme di videocall riproduce a volte le dinamiche e le difficoltà delle conference call: qualità non sempre perfetta di audio/video, sovrapposizione di voci o interferenze, necessità di disciplinare la lezione e gli interventi. L’attività di comprensione all’ascolto viene quindi continuamente sollecitata e rafforzata.

✅ Closeness. Difficile sostituire il contatto umano, il linguaggio corporeo, la spontaneità di reazioni e sensazioni di una lezione face to face. Difficile sostituire le chiacchiere prima e dopo la lezione (rigorosamente in lingua), un caffè insieme, l’immediatezza di una battuta. Facendo lezione dalle proprie case, tuttavia, apriamo un pezzo della nostra vita privata agli altri: una parete con le foto del matrimonio, un pezzo di terrazzo con la vista sulle montagne, la coda di un cagnolino che scodinzola. Improvvisamente si è tutti più vicini e questa realtà domestica colma, almeno in parte, la mancanza del contatto fisico.

Ultima doverosa considerazione: la situazione attuale di isolamento ed emergenza non è una situazione di normalità. I ritmi lavorativi e personali sono stati sconvolti e, in alcuni casi, dilatati e il bisogno di contatto con gli altri e di evasione dall’isolamento hanno sicuramente alimentato la voglia e l’impegno in questo tipo di formazione.

Come per lo smart working e l’online shopping quindi, anche per la formazione sono professionalità, flessibilità e passione a fare la differenza, sia che si tratti della versione in presenza che da remoto. E il risultato ottimale arriva sempre dal giusto mix di vita reale e dimensione virtuale, il giusto compromesso tra calore umano e praticità tecnologica. Con l’augurio di poter tornare, il più presto possibile, a questo mix.

Maria Colombo

Insegnante e Coordinatrice didattica NOE Formazione Area Lingue straniere


NEWSLETTER

La tua privacy è importante per noi!

Dichiaro di aver letto, compreso e approvato le condizioni indicate nella Privacy Policy. Do il CONSENSO al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 sulla protezione dei dati personali (GDPR).
*